News

Continua la partnership tra Oris e Williams

06.03.2014 - Continua la partnership tra Oris e Williams

Il Team Williams e Oris rinnovano il loro accordo per un altro anno.

La manifattura svizzera di orologi Oris continua a supportare il Team Williams nell'esaltante mondo della Formula Uno. Nella stagione 2014 il logo Oris apparirà in una nuova posizione, al centro del musetto della monoposto. Oris continuerà a essere presente anche sulle tute dei piloti e dei meccanici, nonché sui guanti, sui caschi e sull'equipaggiamento del personale ai box.

Oris è Partner Ufficiale del prestigioso Team Williams di Formula Uno fin dal 2003. Le due aziende condividono valori importanti come l'indipendenza, la cura per i dettagli anche minimi e una squadra vincente di professionisti appassionati, tesi al raggiungimento degli obiettivi più elevati nei rispettivi campi.

Ulrich W. Herzog, Presidente Esecutivo di Oris, ha dichiarato: “L'affascinante mondo della Formula Uno continua a essere il palcoscenico migliore per presentare Oris. Il rinnovo dell'accordo per la dodicesima stagione consecutiva rafforza il nostro supporto e il nostro impegno in favore del Team Williams. In qualità di marchio svizzero di orologi puramente meccanici, noi di Oris ci identifichiamo con il competitivo mondo delle gare automobilistiche e con la continua ricerca della qualità e del successo.”

Sir Frank Williams, patron del Team che porta il suo nome, ha aggiunto: “Oris è nostra partner da dodici anni e fa ormai parte della famiglia, perciò sono felice di annunciare che il nostro accordo continuerà anche per il 2014. Condividiamo una collaborazione di successo perché i nostri due Marchi sono altamente complementari: siamo entrambe aziende a conduzione familiare con una forte tradizione, una storia di innovazione e grande padronanza delle nuove tecnologie. Partnership solide come la nostra costituiscono la linfa vitale per un team indipendente come Williams e il continuo supporto di Oris ci aiuterà a lottare per il successo anche in questa stagione.”