Oris promuove la cultura, l'arte e la musica

Nicholas Tse

Il logo dell'Oris Jazz Festival di Londra del 1996

Le opere d'arte esclusive create per Oris da Liu Bolin

  • Oris promuove la cultura, l'arte e la musica
  • Nicholas Tse
  • Liu Bolin
  • Oscar Peterson
  • Bob Dylan
  • Dizzy Gillespie
  • Frank Sinatra
  • Charlie Parker
  • Duke Ellington
  • Miles Davis
  • Louis Armstrong
  • Lionel Hampton
  • John McLaughlin
  • McCoy Tyner
  • Andy Sheppard

Oris ha avuto un forte legame con la musica fin da quando ha iniziato a sostenere il Jazz Festival di Londra, nel 1996. Il primo orologio dedicato al jazz fu intitolato al sassofonista inglese Andy Sheppard quello stesso anno. Da allora ha preso il via una lunga serie di orologi dedicata ai grandi del jazz, con lo scopo di unire la cultura della buona musica e l'orologeria in un'unica, grande forma d'arte.

Il 2007 vede il lancio del Dizzy Gillespie in edizione limitata, un orologio dai numeri 'improvvisati'. Il 2005 è l'anno del tributo al cantante e showman Frank Sinatra. Nel 2003 è stato celebrato Charlie Parker, nel 2002 Duke Ellington, Miles Davis nel 2001 e Louis Armstrong nel 2000.

Nel 2009, Oris si è temporaneamente allontanata dal jazz per rendere omaggio al cantautore, poeta, musicista, autore e pittore Bob Dylan. Oris ha avuto l'onore e il privilegio di creare un orologio in edizione limitata per questo inimitabile artista, considerato uno dei più influenti e apprezzati di tutti i tempi. Il 2010 segna il ritorno di Oris al jazz per un nuovo tributo al leggendario pianista Oscar Peterson. Il musicista ha vinto otto Grammy Awards durante la sua illustre carriera ed è stato l'ultimo artista in ordine di tempo a ispirare un orologio Oris in edizione limitata.

Oltre alla musica, nel 2010 Oris ha collaborato con l'emergente artista cinese Liu Bolin per aggiungere un altro elemento al vasto mondo della cultura. Con due opere d'arte imperniate sul concetto di tempo, Liu Bolin è diventato il fulcro del lancio del nuovo slogan di Oris del 2010: ‘Orologi veri per gente vera’.